ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Privatizzazione di Royal Mail, esordio col botto in Borsa

Lettura in corso:

Privatizzazione di Royal Mail, esordio col botto in Borsa

Dimensioni di testo Aa Aa

Valanga di lettere di richiesta, alla Borsa di Londra, per le poste di Sua Maestà.

Nella prima giornata di scambi i titoli di Royal Mail guadagnano il 40% sul prezzo iniziale, gonfiando il valore della cinquecentenaria istituzione a oltre 5 miliardi di euro.

Una partenza così esplosiva che l’opposizione laburista ha gridato alla truffa: prezzati al ribasso per garantire il successo della privatizzazione, dicono.

Anche i sindacati protestano, preoccupati per i risvolti occupazionali. Neanche in 400 però, su 150 mila dipendenti, hanno rifiutato il 10% di azioni regalato al personale. I dividendi previsti per il 2014 sono molto sostanziosi. E chi direbbe di no a dei soldi regalati?