ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa-Egitto: il Cairo, riduzione aiuti è decisione inappropriata

Lettura in corso:

Usa-Egitto: il Cairo, riduzione aiuti è decisione inappropriata

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Egitto condanna la decisione statunitense di tagliare gli aiuti al suo alleato mediorientale, giunta tre mesi dopo la destituzione del presidente Morsi. Una mossa che viene considerata da diversi analisti come l’espressione di una strategia incerta da parte di Washington e che potrebbe spingere l’Egitto a cercare nuovi alleati, come la Russia.

“Continueremo a decidere senza subire pressioni straniere”, ha reagito il ministero degli Esteri. “E’ stata una misura inappropriata che solleva gravi interrogativi sulla volontà degli Stati Uniti di contribuire alla sicurezza dell’Egitto e di fornirgli assistenza”, ha affermato il portavoce Badr Abdellatty.

Il gelo parziale degli aiuti – ha ribadito Washington – non pregiudica i contatti bilaterali. L’Egitto è un partner fondamentale per la stabilità regionale. “L’Egitto sarà più libero di manipolare le proprie relazioni con Israele”, sostiene Saad El-Dine Ibrahim, analista politico. “Non sarà così coscienzioso nell’osservare i termini del trattato di pace israelo-egiziano come ha fatto negli ultimi quarant’anni”.

Fino a quando non sarà garantito un governo civile, buona parte degli
aiuti annuali da circa un miliardo e cento milioni di euro restano sospesi. Ad agosto gli Stati Uniti avevano già cancellato le esercitazioni militari congiunte che si svolgono ogni due anni.