ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia, disoccupazione giovanile alle stelle

Lettura in corso:

Grecia, disoccupazione giovanile alle stelle

Dimensioni di testo Aa Aa

Oltre un giovane su due in Grecia è disoccupato.

È il dato allarmante fotografato a luglio dall’Elstat, l’ufficio statistiche di Atene: il 55,1% dei ragazzi sotto i 25 anni è attualmente alla ricerca di un impiego.

Il quadro si fa ancora più drammatico se si fa il confronto con il medesimo mese di due anni fa, quando era ancora al 42,6%. Una progressione impressionante.

Anche a livello complessivo, però, la situazione non sembra migliore. Il tasso di disoccupazione generale è salito al 27,6%: una persona su quattro è senza impiego.

In numeri assoluti i disoccupati in anno sono aumentati di 126 mila unità, mentre gli occupati sono calati di quasi 137 mila, con l’Elstat che stima a oltre tre milioni la popolazione “economicamente inattiva”. Ovvero chi, a cercare lavoro, neanche ci prova.

“La ‘storia di successo’ raccontata a maggio dal primo ministro Samaras è la storia della caduta di un popolo”, racconta una ragazzo in cerca di lavoro. “È stata costruita su licenziamenti, chiusure di aziende e istituti e contrazione degli investimenti pubblici”.

Intanto, sono diventate un caso le dichiarazioni dell’Fmi che parlano della necessità di “misure aggiuntive” fino al 2016.

Il ministero delle Finanze ha rassicurato sulla fine dei tagli lineari, promesso da ora in poi solo riforme strutturali, e annunciato per i primi 9 mesi dell’anno un avanzo primario di 1,1 miliardi di euro.

Sulla buona strada per l’obiettivo dello 0,2% sul Pil, quindi, precondizione per un taglio del debito da parte dei creditori internazionali. Ma i dati della banca centrale greca, in arrivo nei prossimi giorni, potrebbero non essere altrettanto ottimistici.