ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

USA: fredda reazione dei repubblicani alle parole di Obama

Lettura in corso:

USA: fredda reazione dei repubblicani alle parole di Obama

Dimensioni di testo Aa Aa

Le parole di Obama non piacciono ai repubblicani, che restano fermi sulle loro posizioni.

Lo speaker della Camera dei rappresentanti, dopo la conferenza stampa del capo della Casa Bianca, si dice deluso, lo accusa di volere una resa incondizionata degli avversari poi però ribadisce la necessità di un confronto con i democratici.

“Non possiamo – sostiene John Boehner – innalzare il tetto del debito senza fare qualcosa contro ciò che ci porta a prendere in prestito più soldi e vivere oltre i nostri mezzi. E non è per me, e neppure per i repubblicani. Si tratta di salvare il futuro dei nostri bambini e dei nostri nipoti. E il solo modo per farlo in effetti è quello di parlarsi”.

In attesa di un vero confronto, il 17 ottobre si avvicina e gli Stati Uniti potrebbero andare incontro a un nuovo downgrade. Come avvenne nell’estate del 2011, quando Standard & Poor’s tolse la tripla A alla prima economia mondiale.

I mercati intanto restano nervosi. Martedì Wall Street ha chiuso in forte calo: il Dow Jones ha perso l’uno percento, il Nasdaq due punti percentuali.