ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Urne chiuse in Azerbaigian

Lettura in corso:

Urne chiuse in Azerbaigian

Dimensioni di testo Aa Aa

La commissione elettorale centrale si compiace dell’alta affluenza alle presidenziali, data nella mattinata al 58%, mentre l’opposizione denuncia la crescente repressione del dissenso in campagna elettorale e il silenzio dei media sulle denunce di irregolarità:

Jamil Hasanli, candidato dell’opposizione:
“Alcuni hanno votato secondo le regole, altri invece non lo hanno fatto tentando di falsare l’esito delle elezioni, noi crediamo ci siano stati dei brogli”.

Il presidente Aliev ha rispedito al mittente le accuse di brogli e corruzione, e si prepara, forse con oltre il 90% delle preferenze a ricoprire il terzo mandato consecutivo, dopo avere raccolto il testimone dal padre. Nonostante la presenza di osservatori europei, le denunce rischiano di cadere nel vuoto visto il delicato rapporto diplomatico che lega l’Azerbaigian ai paesi occidentali, in ragione delle importanti risorse energetiche del Paese, ricco di petrolio e gas.