ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia: nuove accuse contro i militanti di Greenpeace arrestati

Lettura in corso:

Russia: nuove accuse contro i militanti di Greenpeace arrestati

Dimensioni di testo Aa Aa

Manifestazione a Parigi a sostegno degli attivisti di Greenpeace arrestati in Russia. Alcuni militanti hanno scalato la sede di Gazprom nella capitale francese e hanno affisso uno striscione che chiedeva il rilascio dei 28 membri dell’organizzazione ambientalista e due fotoreporter.

Ai 30, fermati mentre conducevano un’azione di protesta contro una piattaforma nell’Artico, non è stata concessa la libertà su cauzione. Gli arrestati, tra cui l’italiano Cristian D’Alessandro e lo svizzero Marco Weber, rischiano fino a 15 anni di carcere per pirateria.

Il leader di Greenpeace Kumi Naidoo dichiara: “Ho scritto al Presidente Putin chiedendogli un incontro urgente e offrendomi in cambio del rilascio su cauzione degli attivisti, per garantire che rimarranno in Russia fino al processo.”

Ma dalla Russia arrivano pessime notizie per i militanti fermati. Gli inquirenti dichiarano che potrebbero essere accusati di altri gravi reati e che sulla loro imbarcazione sono state trovate sostanze stupefacenti.