ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I Paesi Bassi si scusano con la Russia per l'arresto di un diplomatico

Lettura in corso:

I Paesi Bassi si scusano con la Russia per l'arresto di un diplomatico

Dimensioni di testo Aa Aa

I Paesi Bassi presentano le scuse per l’arresto di un diplomatico russo che aveva scatenato l’indignazione di Mosca. Il ministero degli Esteri olandese ha definito una violazione della convenzione di Vienna sull’immunità diplomatica il fermo di Dmitri Borodin, domenica notte all’Aja, per presunti maltrattamenti sui figli.

Secondo le autorità russe, Borodin sarebbe stato picchiato dai poliziotti olandesi.

“E’ una violazione lampante della Convenzione di Vienna”, ha detto il presidente russo Vladimir Putin, martedì. “Attendiamo spiegazioni, scuse e la condanna dei responsabili. La nostra reazione dipende da quanto faranno le autorità olandesi”.

“I miei figli stanno bene”, aveva commentato Borodin via twitter. Tutto era partito da sua moglie. Sabato scorso aveva provocato un incidente stradale dopo essersi ubriacata. I vicini avevano denunciato maltrattamenti sui figli, di quattro e due anni, e la polizia era entrata nell’appartamento. Gli agenti avevano portato via il diplomatico, ubriaco, e lo aveva rilasciato l’indomani.