ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lampedusa: fermato lo scafista

Lettura in corso:

Lampedusa: fermato lo scafista

Dimensioni di testo Aa Aa

Prosegue nelle acque di Lampedusa il recupero delle salme. Un macabro rituale, che punteggiato dagli strazianti racconti dei sommozzatori, ha fatto salire ad almeno 250 il numero dei cadaveri ripescati dal giovedì nero del naufragio.

La Procura di Agrigento ha intanto disposto il fermo di Khaled Ben Salem, tunisino che numerosi sopravvissuti hanno indicato come capitano dell’imbarcazione.

“Eravamo in 520, fra cui più di 80 donne e circa 15 bambini – racconta uno di loro, che vuole mantenere l’anonimato per timore di ritorsioni -. Quando abbiamo cominciato a imbarcare acqua, il capitano ha acceso un fuoco per richiamare l’attenzione, ma le fiamme sono andate fuori controllo. In tanti si sono allora buttati in acqua terrorizzati… Ma in molti non ce l’hanno fatta…”.

Da molti indicato anche come facente parte degli organizzatori della spedizione, il capitano del barcone dovrà rispondere di omicidio plurimo, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e naufragio.

E’ invece ancora ricercato un secondo uomo, da molti identificato come suo assistente di bordo.