ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fmi, i Paesi emergenti pesano sulle previsioni economiche

Lettura in corso:

Fmi, i Paesi emergenti pesano sulle previsioni economiche

Dimensioni di testo Aa Aa

La ripresa c‘è, ma procede col freno a mano tirato.

A dirlo è il Fondo monetario internazionale, che certifica il rallentamento dei Paesi in via di sviluppo “spuntando” le previsioni di crescita globale.

Quest’anno il Prodotto interno lordo mondiale dovrebbe espandersi del 2,9%, mentre il 2014 accelererà al 3,6%.

Definitivo l’addio della Cina alle crescite a doppia cifra: la variazione è stata rivista rispettivamente al 7,6% e al 7,3%.

In Giappone gli ingenti stimoli contro la stagnazione hanno dato i loro frutti ma, l’anno prossimo, peserà l’aumento delle imposte sui consumi.

La prima economia del pianeta, gli Stati Uniti, dovrebbe accelerare ancora nel 2014, al +2,6%, sempre che la paralisi politica non causi danni irreparabili all’economia.

Persino per l’Eurozona il 2014 dovrebbe confermarsi come l’anno del ritorno in positivo.

“La ripresa dalla crisi continua. Credo sia un fatto importante. Ma troppo lentamente”, dice il capo economista dell’Fmi Olivier Blanchard.

“Le economie avanzate non sono ancora fuori pericolo – prosegue – Il debito pubblico e, in certi casi, quello privato, rimangono alti. E la sostenibilità fiscale non è scontata. La disoccupazione rimane molto alta e lo rimarrà a lungo”.

“Insomma – conclude – queste sfide rimangono e credo che saranno le più importanti che affronteremo nei prossimi anni”.

Le principali fonti di instabilità per l’economia mondiale, secondo il rapporto dell’Fmi, si riassumono in una parola: ricadute.

Il rallentamento di un Paese tradizionalmente “affamato” di risorse come la Cina potrebbe avere effetti destabilizzanti sui principali Paesi esportatori.

A questo si aggiungono le conseguenze di una futura stretta sui cordoni della borsa in arrivo da parte della Federal Reserve americana.

L’organizzazione di Washington ha avvertito della necessità di un’adeguata comunicazione, per limitare la volatilità che potrebbe provocare il cambio di passo.