ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Non era armata la donna uccisa dopo aver tentato di sfondare in auto la zona rossa della Casa bianca

Lettura in corso:

Non era armata la donna uccisa dopo aver tentato di sfondare in auto la zona rossa della Casa bianca

Dimensioni di testo Aa Aa

Non era armata la donna coinvolta nell’inseguimento che ha gettato nel panico Capitol Hill.

Miriam Carey, 34 anni, queste le generalità della guidatrice che è stata uccisa dalla polizia, aveva avuto problemi mentali, secondo la Commissione della sicurezza interna della Camera dei rappresentanti di Washington.

La donna ha tentato di sfondare la zona rossa intorno alla Casa bianca, la sua fuga è terminata davanti a Capitol hill. Nel corso dell’inseguemento due agenti sono rimasti feriti:

“Le informazioni che abbiamo ci inducono a pensare che non si sia trattato di un incidente – ha detto il capo della polizia di Washington Cathy Lanier – Nel corso dell’inseguimento diversi veicoli sono stati speronati, alcuni agenti sono stati colpiti, e c‘è stato il tentativo di violare due perimetri di sicurezza.”

Gli agenti avrebbero agito in modo appropriato, ha continuato il capo della polizia. I dettagli che emergono sulla sparatoria costringono le forze dell’ordine di Washington alla linea difensiva.

All’interno della macchina della donna è stata tra l’altro ritrovata, per fortuna illesa, una bambina di poco più di un anno.

Gli agenti hanno aperto il fuoco contro l’auto in due punti diversi, ma mai nei pressi della residenza del presidente degli Stati uniti, è stato detto in conferenza stampa.

Proprio in queste ore, la Casa bianca sono nel pieno dei preparativi per il 21° anniversario delle nozze fra Barack e Michelle Obama.