ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

USA: turisti delusi dallo shutdown

Lettura in corso:

USA: turisti delusi dallo shutdown

Dimensioni di testo Aa Aa

La chiusura dei monumenti pubblici statunitensi a causa del mancato accordo sul bilancio federale suscita grande delusione tra i turisti e proteste. Circa 350 veterani, alcuni dei quali in sedia a rotelle, con l’aiuto di parlamentari repubblicani hanno forzato l’ingresso del Memoriale della Seconda Guerra Mondiale a Washington. Anche i parchi sono vittime dello shutdown.

“Siamo orgogliosi di accogliere i visitatori – spiega l’addetta ai parchi Carol Johnson – e di illustrare loro i monumenti. È difficile per noi non lavorare e vedere che la gente non può entrare.”

La chiusura di monumenti, uffici e strutture federali sta già causando serie perdite economiche (300 milioni di dollari al giorno, si calcola). Tagli del personale nella sanità e nella tutela dell’ambiente. Lo shutdown riguarda pure la Nasa e le altre agenzie scientifiche governative. E influisce sull’immagine degli Stati Uniti nel mondo.

La nostra corrispondente Marci Gonzalez (ABC News) spiega: “Ci sono turisti molto delusi qui. La statua della libertà è tra le centinaia di monumenti nazionali chiusi in tutto il Paese a causa dello shutdown. I traghetti stanno ancora funzionando e dando ai turisti l’opportunità di fare foto ma non arrivano fino a Liberty Island. Alcuni turisti mi hanno detto che hanno sognato tutta la vita di visitare New York City e la statua della libertà, e ora, a causa dello shutdown hanno perso la loro occasione.”