ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna, disoccupati in aumento con la fine della bella stagione

Lettura in corso:

Spagna, disoccupati in aumento con la fine della bella stagione

Dimensioni di testo Aa Aa

Per migliaia di spagnoli la fine della stagione turistica significa tornare a fare lunghe code fuori dagli uffici di collocamento.

A dirlo, i dati riferiti a settembre del ministero del Lavoro di Madrid: i disoccupati registrati sono aumentati di 25 mila unità, toccando un totale di 4,7 milioni.

Il numero, però, è stato migliore delle aspettative in un mese, spiega il ministro del Bilancio e della Pubblica Amministrazione Cristobal Montoro, tradizionalmente marchiato dal segno meno.

“Questo è il miglior dato riferito a settembre dal 2007 a questa parte, e rappresenta un cambio di passo nell’economia spagnola”, ha detto Montoro.

“Significa che il declino nel mercato del lavoro è quasi alla fine. Noi crediamo che, nel 2014, la Spagna sarà in grado di crescere e creare lavoro”.

I contratti di lavoro evaporati nel settore servizi sono stati oltre 50 mila. Tanti gli spagnoli che scelgono allora di emigrare all’estero, in particolare in Germania, una dinamica messa in evidenza anche dal calo degli iscritti alla previdenza sociale.

Senza contare chi non compare nelle liste di collocamento: secondo i dati dell’Istituto nazionale di statistica (considerati più attendibili) la disoccupazione tocca il 26,3%, una persona su quattro.