ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania, disoccupazione in aumento. In Italia quella giovanile è oltre il 40%

Lettura in corso:

Germania, disoccupazione in aumento. In Italia quella giovanile è oltre il 40%

Dimensioni di testo Aa Aa

Il tanto osannato mercato del lavoro tedesco ha raggiunto i suoi limiti?

Per gli analisti una nuvola non significa per forza l’arrivo di un temporale, ma l’inaspettato aumento della disoccupazione in Germania (a settembre salita al 6,9% a causa di 25 mila senza lavoro in più) preoccupa.

Secondo Heinrich Alt dell’Agenzia Federale del Lavoro, però, non è l’economia ad aver frenato, bensì l’efficacia delle misure di inclusione: “Non abbandoniamo la lotta contro la disoccupazione. Quello sarebbe un errore di strategia. Osserviamo che il numero di persone senza lavoro oscilla”, ha dichiarato.

“Abbiamo anche compreso – aggiunge – che la concorrenza nel mercato del lavoro è aumentata nell’ultimo anno. Abbiamo 270 mila immigrati dagli altri Paesi europei che sono entrati nel mercato del lavoro tedesco”.

Prima di dare Berlino per spacciata, però, bisogna fare i dovuti confronti con il resto dell’Eurozona.

Se la Germania è, insieme all’Austria, tra le migliori, i dati Eurostat di agosto marchiano Spagna e Grecia come fanalini di coda. In entrambi i Paesi la disoccupazione supera il 26%, cioè una persona su quattro nella popolazione attiva è senza lavoro.

Tra i due estremi, la media della zona euro è rimasta al 12%, mentre si registra un leggero abbassamento dei disoccupati sotto i 25 anni.

Maglia nera, a questo riguardo, si riconferma l’Italia. Nel Bel Paese la disoccupazione complessiva è salita al 12,2% rispetto a luglio, mentre quella giovanile ha sfondato, per la prima volta, il tetto del 40%: due ragazzi su cinque.