ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tornano a ruggire i Kings of Leon

Lettura in corso:

Tornano a ruggire i Kings of Leon

Dimensioni di testo Aa Aa

A tre anni da “Come Around Sundown” i Kings of Leon tornano con l’album “Mechanical Bull”. Lo hanno inciso nei loro studi a Nashville/Tennessee, ed è stato prodotto da Angelo Petraglia. Gli autori sono i membri della band Caleb, Nathan, Jared e Matthew Followill.

Nathan Followill, musicista:
“Non siamo mai stati sotto pressione. Siamo andati molte volte ad incidere cosa che era molto costosa. Quando cominci a capire di quanto costi incidere con un solo strumento sei già sulla pista sbagliata”..

Caleb Followill, artista:
“Ci sono momenti in cui capisci che non devi mollare e sono rimasto in sala d’incisione molte volte fino a notte fonda”.

Nathan Followill:
“Ha dormito qui un paio di volte”.

Dalla sua formazione nel 1999 la band ha marcato grandi successi con canzoni del tipo “Use Somebody” e “Sex on Fire”; adesso il nuovo singolo “Supersoaker” è in vetta alle classifiche a stelle e strisce.

Jared Followill, musicista: “ E’ dura quando fai successo con un nuovo brano perchè ci sono sempre i contraccolpi dei vecchi fan, quindi bisogna sempre fare una scelta ma non si puo’ neanche andare a schiantarsi e sciupare la propria carriera. Devi sempre calcolare in base a quel che vuoi fare. Noi abbiamo scelto una via di mezzo, non volevamo che il pubblicio pensasse “oh mio dio i King of Leon hanno successo ed è il massimo a cui possono ambire”. Bisognava scrivere altri successi”.

L’album viene pubblicato in due versioni, una Standard e una Deluxe. E il loro tour è già iniziato in America. Si esibiranno a Londra in novembre.