ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Meredith Kercher: via al processo d'appello-bis contro Knox e Sollecito

Lettura in corso:

Meredith Kercher: via al processo d'appello-bis contro Knox e Sollecito

Dimensioni di testo Aa Aa

Senza i due imputati, è iniziato il processo d’appello-bis per l’omicio nel 2007 della studentessa britannica Meredith Kercher, a Perugia.
Le difese hanno chiesto un rinvio alla Consulta e perizie supplementari sullo stato di conservazione della scena del crimine nel momento in cui la scientifica raccolse gli indizi. Per il legale della famiglia della vittima, invece, le cose sono chiare:

“Noi abbiamo sempre sostenuto la loro colpevolezza, la presenza di tutti e tre gli imputati sulla scena del crimine. E riteniamo che anche una giusta motivazione sviluppata dalla Suprema Corte dia questo indirizzo.”

Amanda Knox e Raffaele Sollecito, condannati in primo grado rispettivamente a 26 e 25 anni di carcere, furono poi assolti in appello. La Cassazione però ha successivamente deliberato il rifacimento del processo d’appello: non più a Perugia, ma a Firenze.

L’innocenza di Raffaele Sollecito, per suo padre, resta un fatto incontrovertibile:

“Ulteriori approfondimenti non potranno far altro che confermare quello che già noi sappiamo, cioè che Raffaele Sollecito è totalmente estraneo a quello che ha patito quella povera ragazza”.

Amanda Knox, rientrata negli States, non assisterà al processo. Sollecito potrebbe invece presentarsi in qualcuna delle udienze.
Fuori dall’appello-bis resta Rudy Guede, la cui condanna a sedici anni era già stata confermata da un processo d’appello separato.