ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Letta rilancia la fiducia. PDL a rischio implosione

Lettura in corso:

Letta rilancia la fiducia. PDL a rischio implosione

Dimensioni di testo Aa Aa

Elezioni ultima spiaggia. Adottando la linea di Napolitano e ribadendo che a decidere sarà il Parlamento, Letta rimanda al mittente lo strappo di Berlusconi e rischia
di far implodere il PDL.

Lo stesso rinvio della fiducia, probabilmente a mercoledì sarebbe nato su input di Alfano, vice-premier che, insieme agli insoddisfatti del partito, non esclude di diventare “diversamente berlusconiano”.

“Da quanto dicono i sondaggi – ha detto ieri Letta, intervenendo da Fazio -, gli elettori del PDL in stragrande maggioranza, vogliono che prosegue questa esperienza di governo. Mi sembra di capire che i ministri del PDL hanno espresso in queste ore valutazioni che sono su basi diverse rispetto a quelle di Berlusconi”.

Lanciato da Berlusconi e raccolto da Maroni e Grillo, l’appello alle elezioni subito divide però pattuglia dei Cinque Stelle e passanti interpellati a Roma.

“Credo che sarebbe preferibile andare al voto, perché ormai è tutto bloccato – dice uno di loro -. Non si va avanti, si rimanda ogni scelta. E intanto la crisi è là, e la tocchiamo con mano”.

“Credo che il signor Berlusconi pensi più a se stesso e ai propri interessi che a quelli dell’Italia e degli italiani – ribatte una donna -. E qui intanto c‘è gente che muore di fame”.

Decisiva per il futuro di PDL e governo, la riunione del gruppo, oggi a Montecitorio: è da lì che potrebbe emergere una fotografia dei rapporti di forza tra falchi e colombe, che come Quagliariello già evocano la possibilità di fondare un nuovo partito.