ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Austria alle urne con l'incognita dell'estrema destra

Lettura in corso:

L'Austria alle urne con l'incognita dell'estrema destra

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Paese oggi al voto. Le urne, per queste elezioni politiche, si aprono alle 6. Alle 17, alla chiusura dei seggi, le prime proiezioni.

Nove i partiti in corsa, ma la sorpresa potrebbe essere rappresentata dai populisti di Heinz Christian Strache.

Il partito ha condotto una campagna all’insegna della minaccia della crisi e degli stranieri, nel paese europeo con la disoccupazione più bassa. Un partito che ha mostrato di avere un certo appeal fra i giovanissimi: in Austria si vota dai 16 anni.

In Parlamento entrerà quasi certamente anche il Team Stronach, fondato un anno fa dal miliardario austro-canadese Frank Stronach: un partito populista che propone l’uscita dall’euro, meno tasse e più lavoro. Ricette vaghe forse, ma che potrebbero vargli il 7% dei consensi.

Se l’estrema destra e la destra tradizionale si mettessero insieme quindi, sarebbero seri guai per l’attuale cancelliere Werner Faymann, che ha governato una grossa coalizione con i popolari di Michael Spindelegger. I due partiti potrebbero non avere la maggioranza e sarebbero costretti a imbarcare anche i verdi, che potrebbero diventare l’ago della bilancia. Sempre che l’estrema destra non faccia davvero saltare il banco mandando socialdemocratici e popolari all’opposizione.