ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna, budget all'insegna della ripresa. Madrid: nel 2014 crescita dello 0,7%

Lettura in corso:

Spagna, budget all'insegna della ripresa. Madrid: nel 2014 crescita dello 0,7%

Dimensioni di testo Aa Aa

È una legge di bilancio che punta tutte le sue carte sulla ripresa economica quella appena presentata in Spagna.

Dopo due anni di tasse, tagli alla spesa e relativa impopolarità, l’esecutivo guidato da Mariano Rajoy presenta il primo budget non all’insegna dell’austerity.

Merito dei costi di rifinanziamento in ribasso (ecco a che serve uno spread calante) ma soprattutto di una crescita che nel 2014 è stata rivista al rialzo allo 0,7%.

“I Paesi europei e, in generale, quelli sviluppati hanno visto un crollo dell’attività economica nel 2009. Però, nel 2010-2011 hanno recuperato”, dice il ministro dell’economia Luis de Guindos.

“La Spagna, al contrario, non ha mai visto una vera ripresa e ha avuto un’altra caduta nel 2012. Sarà il 2014 il primo anno in cui vedremo un vero rilancio dell’attività economica”.

La disoccupazione (oggi oltre il 26%) l’anno prossimo scenderà, secondo il governo, al 25,9%.

Non abbastanza per aumentare il gettito, a quello ci penserà la futura riforma del fisco. Per ora Madrid si accontenterà dei risparmi derivanti dalla riforma pensionistica.

All’ottimismo governativo fanno però da contraltare i dati sui consumi. A settembre l’inflazione è scesa ai minimi da quattro anni: solo lo 0,3% rispetto all’anno scorso, ora che l’effetto dell’ultimo aumento dell’Iva è svanito.

A questa, però, non corrisponde una maggiore propensione all’acquisto: le vendite al dettaglio di agosto sono scese del 4,5%.