ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rispunta il primo film americano anti-nazista

Lettura in corso:

Rispunta il primo film americano anti-nazista

Dimensioni di testo Aa Aa

Era stato dimenticato da 70 anni sepolto nei depositi della Cinemateca reale del Belgio che ha poi scoperto di possedere l’unica copia del primo film americano antinazista. Titolo “Hitler’s Reign of Terror’,(Il regno del terrore di Hitler) di Cornelius Vanderbilt. Debuttò con successo nel 1934 a New York ma in seguito a proteste da parte dell’ambasciata tedesca, fu censurato e riadattato per le successive proiezioni in altri paesi. Come mai la pellicola è finita in Belgio? Risponde il direttore dei reali archivi cinematografici:

Nicola Mazzanti, Direttore del Royal Belgian Filmarchive:
“Probabilmente nel 1939 qualcuno ha cercato di distribuire il film in Belgio ma era già tardi. Ci fu l’invasione e cosi’ il film è rimasto nella scatola. Negli anni 70 lo si rintraccia perchè giunge alla Cinemateca Reale. Si sa che non esitono altre copie”

Cornélius Vanderbilt, ricco americano cineasta per passione si mostra nelle immagini per dimostrare che è nella Berlino del 1933 quando i nazisti vincono le elezioni. Sostiene di aver avuto l’occasione di intervistare Hitler e di porgli la domanda sugli ebrei che nessuno osava fare.

Nella docufiction un attore che imita Hitler risponde che il suo popolo lo attende e che altri gli parleranno degli ebrei e di quel che infastidisce l’America.

Ma l’intervista c‘è veramente stata? Intanto Vanderbilt è uno dei pochi che all’epoca ha potuto filmare liberamente in Germania.
Lo conferma uno storico del nazismo.

Roel Vande Winkel, storico:
“Penso che piu’ tardi nel 1935-36, non sarebbe piu’ stato permesso. Lui il permesso lo ha avuto e non gli è stato impedito di girare queste immagini”.
Dopo la denuncia dell’ambasciata tedesca a Washington gli americani censurano la pellicola. Non c’era ancora una chiara posizione antinazista.

Il film è stato ora rimasterizzato e verrà mostrato al Museo di Arte Moderna a New York in ottobre.

Montato in stile cinegiornale con la voce fuori campo di Vanderbilt, il film vanta minuti di spettacolari dettagli e rientra nella più vasta inchiesta di Vanderbilt, nella Germania dell’ascesa di Hitler.