ULTIM'ORA

Lettura in corso:

La Francia promette di mantenere gli impegni con l'Europa, ma la pressione fiscale esaspera i francesi


Redazione di Bruxelles

La Francia promette di mantenere gli impegni con l'Europa, ma la pressione fiscale esaspera i francesi

Bruxelles tappa obbligatoria per il ministro dell’economia francese Pierre Moscovici venuto a rassicurare l’Europa all’indomani della presentazione della legge finanziaria.

L’anno prossimo la Francia stringerà ancora la cintura con uno sforzo pari a 18 miliardi, soprattutto tagli alla spesa pubblica e qualche introito fiscale in piu’.

“La Francia si riforma – ha dichiarato il ministro francese Pierre Moscovici. Vorrei ricordare la riforma del mercato del lavoro, la piu’ importante da 40 anni. Vorrei ricordare la riduzione dei deficit strutturali e nominali, vorrei sottolineare che ormai agiamo soprattutto con tagli alla spesa”

Bruxelles ha concesso due anni in piu’ a Parigi per ridurre il deficit, che l’anno prossimo dovrebbe attestarsi al 3,6% del Pil, per poi rientrare nei giusti limiti nel 2015.

Sottolinea la corrispondente di Euronews Audrey Tilve:
“ Il messaggio di rassicurazioni era rivolto a Bruxelles che puo’ ormai bocciare i bilanci nazionali, ma anche ai Francesi. I francesi che soffrono ora di un grosso malessere, il malessere fiscale”.

Addio ad alcuni sgravi fiscali, aumento dell’Iva e una pressione fiscale che nel 2014 andrà oltre il 46% del Prodotto interno Lordo, non si puo’ veramente parlare di una pausa fiscale malgrado le promesse de Presidente Hollande, la cui popolarità è caduta a picco al 23%.

Ma Parigi non cerca nell’Europa un capro espiatorio. Se ci saranno politiche di rigore, ricorda il governo, è perché è necessario, non perché Bruxelles voglia mettere a tappeto la Francia.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

Redazione di Bruxelles

Esercitazioni Nato-Russia per contrastare attentati terrostici nei cieli