ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Belgio: apre un nuovo museo dell'emigrazione europea oltreoceano

Lettura in corso:

Belgio: apre un nuovo museo dell'emigrazione europea oltreoceano

Dimensioni di testo Aa Aa

Apre questo week-end il nuovo museo dell’emigrazione europea situato nel vecchio porto di Anversa, in Belgio. E’ un museo della compagnia navale Stella Rossa che tra il 1870 e il 1930 porto’ oltre due milioni di persone negli Stati Uniti.

Prima di poter salire a bordo, i viaggiatori dovevano subire una disinfestazione e una meticolosa visita medica. Solo le personne in perfette condizioni fisiche per lavorare erano ammesse nel viaggio, perché le autorità americane temevano che i nuovi arrivati portassero malattie infettive come il colera.

Spiega Luc Verheyen, che ha preparato la mostra: “Abbiamo testimonianze di storie drammatiche di famiglie che non hanno passato i controlli, a Anversa o ad Ellis Island a New York, ed hanno dovuto abbandonare uno dei figli”

In molti casi casi i bambini furono rispediti da soli ad Anversa. A far il viaggio furono soprattutto molti ebrei. Sonia Pressman è una degli ultimi testimoni di quelle traversate : “Questo viaggio salvo’ la mia vita, quella dei miei genitori e di mio fratello. Vivevamo in Germania quando Hitler sali’ al potere e divenne cancelliere del Reich il 30 gennaio 1933. Mio fratello capi’ che minaccia Hitler rappresentava per gli ebrei e convinse i miei genitori a lasciare la Germania”.

Tra i clienti della Stella rossa, c‘è stato anche Albert Einstein. E’ a bordo di una nave che il fisico tedesco apprende che i nazisti hanno sequestrato tutti i suoi beni e da li’ Invia una lettera di dimissioni all’accademia prussiana delle scienze.

Il museo racconta le storie degli Europei che hanno costruito l’America di oggi sottolinea Koen Kennis, assessore al turismo di Anversa: “Viaggiavano in prima, seconda o terza classe, e la traversata non era piacevole. Ma sono giunti negli States e sono diventate persone importanti, come il compositore di origine bielorussa Irving Berlin che ha viaggiato sulle linee della Stella rossa. Ce l’hanno fatta in America, hanno realizzato il loro sogno americano”.

Ci sono voluti sei anni per terminare il museo, ora la città di Anversa spera di farne un simbolo di questa storia europea spesso dimenticata.