ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Conti in rosso, Blackberry annuncia tagli e riposizionamento

Lettura in corso:

Conti in rosso, Blackberry annuncia tagli e riposizionamento

Dimensioni di testo Aa Aa

Un taglio del 40% della sua forza lavoro e soprattutto un ritorno “alle origini” (il riposizionamento sull’utenza aziendale) che non convince nessuno.

È davvero un brutto quarto d’ora quello che sta passando Blackberry, già in aria di cessione da settimane.

Il produttore canadese ha chiuso il secondo trimestre con un rosso di quasi 1 milione di dollari e 3 milioni di smartphone ancora a fare la polvere sugli scaffali di tutto il mondo.

“Ciò che fondamentalmente ha fatto cadere Blackberry è stato il crollo di popolarità, il grado di seduzione presso il consumatore medio”, commenta Pascal Samama di 01Net.com.

“Resta un dispositivo un po’ d‘élite – aggiunge – mentre il consumatore medio vuole un apparecchio con delle applicazioni che comprendano giochi e servizi. Blackberry questo non è riuscita ad offrirlo”.

Scommessa persa, dunque, per Thorsten Heins. Il numero uno aveva puntato, per il rilancio, sui nuovi modelli della serie Blackberry 10.

Ma i nuovi Z10 e Q10 non hanno convinto il grande pubblico e ora la “mora” annuncia che si concentrerà su sicurezza e affidabilità, caratteristiche tanto care alle aziende.

Peccato che ormai queste ultime permettano di scegliersi il proprio dispositivo, spiegano gli esperti, e i dipendenti in molti casi si orientano sul duopolio Apple-Samsung.

Senza contare che il cambio di strategia peserà nei rapporti con gli operatori di rete, già colpiti dalle cattive performance di vendita dello Z10. Le conseguenze si vedranno, con tutta probabilità, con il nuovo Z30 appena arrivato.

Intanto, sulla stampa internazionale si scatena il dibattito sul futuro di Blackberry. I paragoni sono molto poco lusinghieri.

Per alcuni l’azienda un tempo leader dei sistemi di posta mobile finirà come Nortel: ristrutturata e poi venduta in modalità “spezzatino”, un pezzo per volta. Per altri il paragone più calzante è quello con Palm, pioniera dei Pda (i computer palmari), poi acquistata da HP e finita nel dimenticatoio.