ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rabbia e tristezza in Grecia ai funerali del rapper accoltellato da un neonazista

Lettura in corso:

Rabbia e tristezza in Grecia ai funerali del rapper accoltellato da un neonazista

Dimensioni di testo Aa Aa

Rabbia e tristezza in Grecia ai funerali del giovane musicista di sinistra accoltellato da un militante neonazista di Alba dorata. La famiglia ha tenuto lontane le telecamere, ma almeno duemila persone hanno partecipato alla cerimonia funebre.

Sull’episodio che ha shoccato il paese, è intervenuto il premier Samaras.

“Il governo è determinato a non permettere ai discendenti dei nazisti di avvelenarci la vita, di commettere dei reati, di terrorizzare, di mettere in discussione le fondamenta del paese che ha dato i natali alla democrazia. La democrazia è molto più forte di quanto i suoi nemici possano credere”.

Tutti puntano il dito sulla formazione di estrema destra e sul clima di violenza che avrebbe creato. Ma i deputati di Alba dorata ribaltano i ruoli, e a modo loro accusano gli altri.

“Voglio condannare la falsità di chi sfrutta il sangue di una giovane vita per interessi politici, per intensificare la propria guerra contro Alba dorata, per raccogliere più voti”.

Il trauma dell’uccisione del giovane cantante sta spingendo molti greci a riflettere. Il governo ha annunciato un giro di vite sulla legge che vieta i gruppi paramilitari, equiparando la violenza verbale a quella fisica.