ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Omaggio a Braque al Grand Palais di Parigi, oltre 250 opere in mostra

Lettura in corso:

Omaggio a Braque al Grand Palais di Parigi, oltre 250 opere in mostra

Dimensioni di testo Aa Aa

Parigi dedica la più grande retrospettiva in quarant’anni a Georges Braque, tra gli inventori del cubismo e tra i protagonisti delle avanguardie del Novecento. Al Grand Palais, fino al 6 gennaio, sono esposte 260 opere, provenienti da oltre venti Paesi diversi.

Brigitte Leal ha preparato quest’esposizione per due anni. Il percorso cronologico comincia con il Fauvismo, nel 1906. “E’ una formidabile introduzione alla sua creazione, perché sarà un grande pittore di paesaggi, un grande colorista”, spiega Leal. “Sono quadri che esplodono di colori, colori che non hanno nulla a che vedere con i colori naturali del paesaggio ed è in questo che osserviamo una vera e propria invenzione”.

Nel 1907 Braque entra in contatto con Pablo Picasso, dalla loro collaborazione nascerà il Cubismo. “Braque lo ha spiegato molto bene nelle sue memorie: abbiamo condiviso un’avventura comune, eravamo come una cordata di montagna. Ciò vuol dire che ogni progresso dell’uno era sostenuto dal progresso dell’altro”, dice la curatrice. “Avevano detto al loro mercante d’arte che non volevano più firmare le opere affinché non si potesse più identificare quale quadro appartenesse all’uno o all’altro”.

Le loro strade si separano con la Prima Guerra Mondiale. Braque prosegue, instancabile, le proprie ricerche e inventa la tecnica dei papiers collés, introducendo nei quadri pezzi di carta, di giornale. Braque è stato in questo modo il precursore dell’astrattismo del ventesimo secolo.