ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Washington: sparatoria al Navy Yard, 13 morti. Ancora sconosciuto il movente

Lettura in corso:

Washington: sparatoria al Navy Yard, 13 morti. Ancora sconosciuto il movente

Dimensioni di testo Aa Aa

È un massacro di cui non si conoscono ancora le cause quello avvenuto alle 8.20 locali all’interno del Navy Yard di Washington, importante quartier generale della Marina militare americana.

Tredici i morti e almeno una decina i feriti. Tra le vittime c‘è anche il presunto killer, ucciso dalla polizia.

Secondo un testimone, un uomo dal quarto piano ha aperto il fuoco sulla folla che si trovava nella caffetteria sottostante.

Una donna racconta che l’aggressore “era lontano, in fondo al corridoio”, e non si riusciva a vedere il suo volto. “Abbiamo però visto il fucile puntato contro di noi”, dice ancora, “Ha sparato e ha colpito il muro in alto, proprio mentre stavamo cercando di uscire”.

L’autore della sparatoria secondo la polizia è Aaron Alexis, 34 anni, nato a New York e residente in Texas. Era stato in Marina, prevalentemente come riservista dal 2007 e il 2011. Ci era tornato ora sotto un’altra veste, per lavorarci per conto di una ditta informatica, chiamata ad aggiornare il servizio intranet.

La polizia sta cercando anche un’altra persona, un possibile complice.