ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Elicottero siriano abbattuto, per Ankara nessuna ritorsione da Damasco

Lettura in corso:

Elicottero siriano abbattuto, per Ankara nessuna ritorsione da Damasco

Dimensioni di testo Aa Aa

Ankara non si aspetta una ritorsione dopo l’abbattimento di un elicottero siriano sul proprio territorio. E’ stato il commento del ministro degli Esteri turco, all’indomani dell’episodio condannato dalla Siria come un’azione affrettata da parte della Turchia.

L’MI-17, abbattuto vicino alla località frontaliera di Yayladagi, “non era in missione di combattimento”, sostiene Damasco, ma alla ricerca di eventuali “terroristi”. In diverse occasioni, la Siria ha accusato il vicino di addestrare i ribelli.

Bora Bayraktar, euronews:
“Questa vicenda sfocerà in un conflitto su ampia scala tra Turchia e Siria?’”

“Questo potrebbe far nascere tra l’opinione pubblica la percezione che ci sarà un conflitto”, dice Atilla Sandikli, del centro di ricerca Bilgesam. “La violazione del confine probabilmente sarà esaminata dalla Nato, che potrebbe pubblicare una dichiarazione e potrebbe avvertire la Siria affinché non ripeta azioni simili. Per cui non mi aspetto rappresaglie da parte della Siria”.

Uno dei due piloti, che sono riusciti a salvarsi, sarebbe nelle mani dei ribelli. Secondo la Turchia, ogni elemento siriano che si avvicini alla sua frontiera deve essere trattato come un obiettivo militare. Lo prevedono le nuove regole d’ingaggio stabilite un anno fa dopo l’abbattimento di un jet turco in territorio siriano.


Agrandir le plan