ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'auto elettrica entra in campo

Lettura in corso:

L'auto elettrica entra in campo

Dimensioni di testo Aa Aa

La Tesla Model S è al 100% elettrica, una piccola bomba da 416 cavalli. E’ nata vicino alla Silicon Valley e non nel Michigan cioè la culla dell’industria automobilistica americana. Questo nuovo gioiello californiano è considerato il veicolo del futuro.

Un Tablet consente di regolare il tutto fino alla potenza delle frenate. Naturalmente c‘è il GPS, la lancetta della temperatura e il tetto apribile. Per i clienti è una rivoluzione.

Vox pop:“Sono entusiasta, è diversa da ogni altra automobile che ho guidato. Guido molto in città e mi sembra perfetta per questo”

Vox pop:
“Un bellissimo design di questo passo potrebbe competere con la Ferrari o la Porche”

Lontana dal fulgore delle Ferrari la nuova automobile dispone di un display tattile da 17 pollici. Ha un’autonomia di 500 km e questo grazie a un metodo di fabbricazione unico illustrato da un esperto francese che è fra gli autori del progetto.

JEROME GUILLEN, DIRIGENTE MARKETING TESLA:
“Questa è la batteria installata a livello dello chassis, tutto integrato nel veicolo come a far parte della struttura della scocca interamente in alluminio quindi molto leggera”

La batteria è al lito: un debutto per un veicolo destinato al grande mercato. Tesla produce circa 30.000 veicoli cosi’ ogni anno ed ha avuto intuizione nel rilevare questa gigantesca fabbrica di Toyota durante la crisi.
Dispone di una catena di montaggio di ultima generazione. L’80% del veicolo è generato qui dall’alluminio alla fibra al carbonio.

Per ricaricare la batteria due possibilità: per mezzo di un acceleratore di ricarica posto in una coloninna che ripristina il livello in 20 minuti oppure con qualunque presa di corrente ma bisogna aspettare 5 ore.

GRAHAM CAROLL, RESPONSABILE VENDITE TESLA: “Il motore a scoppio è ormai un dinosauro e credo giusto introdurre la nuova tecnologia che si fa strada”

Questa rivoluzione ha un prezzo. Si tratta di una vettura per pochi eletti, costa infatti 60 mila euro; tuttavia il marchio studia un modello elettrico due volte meno caro che potrebbe entrare in linea in pochi anni.