ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iniziate con ritardo le operazioni per raddrizzare la Concordia

Lettura in corso:

Iniziate con ritardo le operazioni per raddrizzare la Concordia

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono iniziate con ritardo, le operazioni per rimettere in asse la Costa Concordia. Davanti all’isola toscana del Giglio le condizioni metereologiche non erano ideali, da qui il mancato rispetto del programma.

Le autorità marittime italiane prevedono un lavoro di almeno 12 ore, per rialzare lo scafo naufragato nel gennaio del 2012, in seguito a una manovra non permessa.

La rimozione della nave costerà più di 600 milioni di euro.

Sono previste tre fasi: la prima consiste nel separare lo scafo dal fondale, la seconda nel farlo ruotare lungo un asse longitudinale e infine, la terza, nel collocarlo nella piattaforma speciale.

Se il ritorno in asse della imbarcazione avverrà senza sorprese, la Concordia resterà per tutto l’inverno al Giglio, prima di venire trasportata nel luogo dove verrà smantellata.

Il recupero della nave presenta non pochi rischi di natura ambientale. Il Giglio infatti si trova nel cuore della maggiore riserva marina d’Europa.

www.theparbucklingproject.com/



Agrandir le plan