ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Stati Uniti e Russia forse più vicini a un accordo sulla Siria

Lettura in corso:

Stati Uniti e Russia forse più vicini a un accordo sulla Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

I colloqui sulla Siria potrebbero segnare oggi la svolta, in attesa del rapporto Onu sulle armi chimiche. A Ginevra Sergei Lavrov e John Kerry si incontrano per il terzo giorno consecutivo. L’obiettivo del ministro degli Esteri russo e del Segretario di Stato americano di trovare un accordo per portare le armi chimiche in possesso di Damasco sotto il controllo della comunità internazionale – parte del piano presentato da Mosca – è sembrato ieri più vicino. Anche se la posizione di Barack Obama resta ferma: “Ripeto quanto ho detto, ovvero che qualsiasi accordo deve essere verificabile e attuabile”.

L’avvicinamento tra Stati Uniti e Russia sarebbe arrivato sul riferimento nella risoluzione Onu dell’uso della forza contro Assad, cui ora l’amministrazione Obama sarebbe pronta a rinunciare. Da New York il Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon accusa il regime di Damasco: “Assad ha commesso molti crimini contro l’umanità – ha detto -, dunque quando tutto sarà finito dovrà fare fronte alle proprie responsabilità, ma in questo momento dobbiamo prima di tutto preoccuparci di contribuire alla fine dei combattimenti e all’inizio del dialogo”.

Le parole del Segretario generale anticipano il rapporto degli ispettori Onu sull’utilizzo di armi chimiche nell’attacco del 21 agosto alla periferia di Damasco che dovrebbe essere reso noto dopodomani. Gli Stati Uniti – secondo cui nell’attacco avrebbero perso la vita oltre 1.400 persone – sono convinti che il documento confermerà la responsabilità del regime di Assad.