ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Twitter vuole sbarcare in Borsa

Lettura in corso:

Twitter vuole sbarcare in Borsa

Dimensioni di testo Aa Aa

Twitter sceglie un tweet di 112 caratteri, per confermare l’intenzione di approdare in Borsa. La società, con sede a San Francisco, ha presentato alla Sec, l’ente federale statunitense preposto alla vigilanza dei mercati, la documentazione per l’ipo.
Due ore dopo, il breve messaggio era già stato ritwittato diecimila volte. Twitter è il secondo social network al mondo, subito alle spalle di Facebook, conta duecento milioni di utenti e, secondo la stima degli analisti, vale 10 miliardi di dollari.

“Non sappiamo davvero – sostiene Ishaq Siddiqi di ETX Capital – come quest’azienda si monetizzerà, si rivolgerà alla pubblicità? Hanno un’importante struttura di analisi di contenuti e possono davvero monetizzarla. Quindi credo davvero che tocchi al managment di Twitter, durante il ‘roadshow’ spiegare ai potenziali azionisti perché dovrebbero acquistare le azioni”.

Un utilizzatore di Twitter passa in media 36 minuti sul sito ogni volta che vi si collega contro gli appena dodici minuti che si trascorrono su Facebook. Quest’ultimo però è primo per numero di visitatori unici al mese. Diverso anche il valore delle due società.

“Se vuoi influenzare le persone che influenzano altre persone – assicura Juliette Garside, del quotidiano britannico The Guardian – vai su Twitter, dove trovi politici, finanzieri, responsabili di azienda, persone famose. Credo che gli inserzionisti pagheranno per raggiungere simili persone”.

A maggio Facebook era sbarcata in Borsa con un avvio piuttosto burrascoso: le azioni erano crollate nelle prime settimane dopo il debutto. Twitter ha presentato i documenti alla Sec in via confidenziale come consente il Job Act voluto da Obama: la legge permetterà alla società di non rendere pubblici tutti i propri dati finanziari.