ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia, 37 vittime nel rogo di un ospedale psichiatrico

Lettura in corso:

Russia, 37 vittime nel rogo di un ospedale psichiatrico

Dimensioni di testo Aa Aa

Trentasette le vittime del rogo di origine dolosa divampato in un ospedale psichiatrico russo. L’incidente, avvenuto nella cittadina di Luka a duecento chilometri a sud di San Pietroburgo, è stato classificato sin dall’arrivo dei primi soccorrittori un evento da codice rosso. L’edificio, una palazzina in legno risalente al XIX secolo, è stato completamente bruciato dal rogo. Difficili le operazioni di soccorso. Come racconta questo ragazzo, tra i primi ad arrivare sul luogo dell’incendio:“Per entrare ho dovuto rompere alcune grate che coprivano le finestre. Mi sono aiutato con un ferro e sono riuscito a far uscire delle persone”.

Le autorità del luogo denunciano: la pericolosità dell’edificio era stata segnalata già da tempo. Mentre destano alcune perplessità le dichiarazioni dei soccorritori. “Quando siamo arrivati sul posto le fiamme avvolgevano tutto” racconta il capo dei pompieri “la prima cosa che abbiamo pensato è stata spegnere il fuoco, poi salvare le persone. Quando siamo passati al secondo edificio la maggior parte delle quali era già stata evacuata “.

Quello di Luka è il secondo incendio dell’anno a una struttura psichiatrica in Russia. Ad aprile le vittime furono 38: abbastanza per lanciare un dibattito sulla sicurezza di queste strutture nel paese.