ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Videogiochi contro l'invecchiamento del cervello

Lettura in corso:

Videogiochi contro l'invecchiamento del cervello

Dimensioni di testo Aa Aa

La sessantacinquenne Ann Linsey si stupiva della sua distrazione nelle faccende quotidiane. La donna ha partecipato ad un esperimento negli Stati Uniti. Ricercatori dell’Università della California hanno ideato il videogioco NeuroRacer, che sembra aver ringiovanito il cervello di un gruppo di pensionati, di età compresa tra i 60 e gli 85 anni. I risultati sono stati così soddisfacenti che gli anziani si sono dimostrati superiori, nelle sfide contro ragazzi ventenni. Le abilità e le capacità di memorizzazione e di attenzione sono migliorate notevolmente attraverso un semplice e divertente tipo di allenamento al gioco.

ADAM GAZZALEY, DIRETTORE del NEUROSCIENCE LABORATORY DI SAN FRANCISCO: “Abbiamo notato che le loro abilità di multitasking col videogioco sono migliorate in capo a un mese. Ma ci siamo anche accorti che sono migliorate altre abilità cognitive che non abbiamo focalizzato nell’attività, come l’attenzione e la memoria”

Sono inoltre state registrate le attività cerebrali grazie all’encefalogramma mentre i partecipanti giocavano a NeuroRacer, tutte cose che investono il miglioramento dell’attività della corteccia cerebrale.

ADAM GAZZALEY, DIRETTORE NEUROSCIENCE LABORATORY, SAN FRANCISCO
“Credo che la cosa dimostri che i meccanismi dei videogiochi possono essere uno strumento per rinvigorire il cervello e possono servire sia ai sani che ai malati”.

I giocatori devono guidare una macchina lungo una strada tortuosa, mentre, sullo schermo, compaiono all’improvviso dei segnali. Gli scienziati hanno dichiarato che il gioco potrebbe mantenere in salute il cervello degli anziani, prevenendo malattie come la demenza senile.