ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia: alle urne per le amministrative, Mosca test cruciale

Lettura in corso:

Russia: alle urne per le amministrative, Mosca test cruciale

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono quasi quaranta milioni i russi chiamati al voto nelle amministrative oggi, ma tutti gli occhi sono puntati su Mosca, dove il sindaco uscente Sergey Sobianin cerca una leggitimazione dalla sfida contro il blogger dissidente Alexei Navalny. Sobianin è sindaco per nomina, avvenuta nel 2010, ed è ex capo dell’amministrazione presidenziale. Putin aveva abolito l’elezione diretta del sindaco nel 2004, ed è stata reintrodotta dopo nove anni.

Il voto a Mosca diviene quindi un test cruciale sulla popolarità del presidente, forse favorito in questo periodo dalle posizioni assunte in politica estera. Alexei Navalny, il blogger dissidente sotto processo per appropriazione indebita, otterebbe, secondo gli ultimi sondaggi, il 20% dei consensi, molto indietro rispetto allo stra- favorito sindaco uscente.

Anche per strada, non ci si aspettano sorprese, c‘è curiosità solo sul margine di vantaggio di Sobianin.

“Se il vincitore otterrà tra il 60 e il 70% dei consensi, significherà che la larga maggioranza dei moscoviti l’ha supportato. Ma se otterrà di meno, vorrà dire che il leader non ha un sostegno di massa”.

Se poi la domanda è che cosa si aspettino i moscoviti, sembra chiaro che il voto si basi più su richieste pragmatiche che sull’idea politica: “Gli stipendi dovrebbero essere stabili, le pensioni aumentate, la gente dovrebbe poter lavorare e le giovani madri dovrebbero avere migliori possibilità di iscrivere i figli all’asilo”.

Con oltre sette milioni di elettori e un peso politico enorme, Mosca è di gran lunga il centro principale tra quelli in cui si vota. Ma si eleggono anche otto governatori e sedici assemblee regionali, e circa settemila sindaci. Un quinto dei seggi moscoviti è monitorato con delle webcam, nel tentativo di impedire i brogli.