ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Mosca la sfida al potere di Putin

Lettura in corso:

A Mosca la sfida al potere di Putin

Dimensioni di testo Aa Aa

Alexei Navalny non spera tanto di vincere, quanto di mostrare la forza dell’opposizione nelle prime elezioni del sindaco da quasi dieci anni a Mosca. Nella capitale, il blogger e attivista anti-corruzione scrive oggi un altro capitolo della lotta all’establishment.

Già segnata dalle manifestazioni di protesta di cui è stato protagonista, la battaglia passa ora attraverso Sergei Sobjanin. Il sindaco uscente, alleato stretto di Vladimir Putin – nominato nel 2010 in seguito all’abolizione del voto amministrativo – è sicuro di farcela, e considera il voto odierno un modo per rafforzare la sua posizione, dando legittimità al mandato.

Anche in quest’ottica – secondo molti – sarebbe da considerare la possibilità di concorrere concessa a Navalny, unico dei sei candidati in lizza a potere infastidire, su cui pesa però una condanna a cinque anni per appropriazione indebita, che considera di stampo politico. I due rivali attendono ora il verdetto degli oltre 7 milioni di elettori chiamati a votare.