ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria. Il Fronte Al Nosra conquista l'antica cittadella cristiana di Maaloula

Lettura in corso:

Siria. Il Fronte Al Nosra conquista l'antica cittadella cristiana di Maaloula

Dimensioni di testo Aa Aa

In Siria la guerra civile continua. Il fronte Al Nosra, affiiliato ad Al Qaeda, avrebbe preso il controllo di Maaloula, l’antica cittadella cristiana nel nord-ovest della provincia di Damasco che è uno dei tre luoghi del mondo in cui si parla ancora comunemente l’aramaico, la lingua di Gesù.

Il villaggio, che è un sito Unesco, conta poco più di 3mila abitanti. La sua conquista sarebbe cominciata con l’attacco all’unico check-point tenuto dalle forze filo-governative. I morti sarebbero numerosi.

Altre vittime della guerra in Siria sono i profughi e gli sfollati. Sarebbero in tutto 6 milioni, di cui 2 nei campi allestiti fuori dalla Siria. Valérie Amos, dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati, ha lanciato l’allarme fondi. A partire da ottobre i siriani scappati in Libano rischiano di non ricevere più aiuti alimentari. Per il solo Libano servirebbe l’equivalente di 1,2 miliardi di euro, a disposizione c‘è meno di un terzo di questa somma.

rtzerzterzterztrtzerztertertertert ert

Intanto, sul campo la guerra civile continua. Il fronte Al Nosra, affiiliato ad Al Qaeda, avrebbe preso il controllo di Maaloula, l’antica cittadella cristiana nel nord-ovest della provincia di Damasco che è uno degli ultimi tre luoghi del mondo in cui si parla comunemente l’aramaico, la lingua di Gesù. Il villaggio, che è un sito Unesco, conta poco più di tremila abitanti. L’assalto sarebbe cominciato con l’attacco all’unico check-point tenuto dalle forze filo-governative. I morti sarebbero numerosi.

Altre vittime della guerra in Siria sono i profughi e gli sfollati. Sarebbero in tutto sei milioni, di cui due nei campi allestiti fuori dalla Siria. Valérie Amos, dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati, ha lanciato l’allarme fondi. A partire da ottobre i siriani scappati in Libano rischiano di non ricevere più aiuti alimentari. Per il solo Libano servirebbe l’equivalente di uno, virgola due miliardi di euro, a disposizione c‘è meno di un terzo di questa somma.