ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Stoccolma, Obama sulla Siria: "Non possiamo stare a guardare"

Lettura in corso:

Stoccolma, Obama sulla Siria: "Non possiamo stare a guardare"

Dimensioni di testo Aa Aa

La comunità internazionale non può restare in silenzio di fronte al massacro di centinaia di bambini con armi chimiche, altrimenti ne andrà della credibilità di tutti, Usa compresi.

A Stoccoloma, dove ha incontrato il premier svedese Friederick Reinfeldt, Barack Obama ha ribadito la necessità di un intervento militare in Siria

“Intanto non sono stato io a tracciare una linea rossa. La linea rossa è stata tracciata dalla comunità internazionale, quando i governi che rappresentano il 98 per cento della popolazione mondiale hanno stabilito che l’uso di armi chimiche vada abbandonato, e hanno approvato un trattato che proibisce il loro uso anche quando un paese sia impegnato in una guerra. Non è la mia credibilità ad essere in gioco, ma quella della comunità internazionale”.

Obama ha poi aggiunto che la crisi siriana potrebbe risolversi con un processo di transizione politica. “Ma serve inviare un segnale chiaro e forte contro l’impiego di armi chimiche”, ha detto, “per far passare a Assad la voglia di riprovarci”.