ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Armenia verso l'ingresso nell'unione doganale guidata dalla Russia

Lettura in corso:

L'Armenia verso l'ingresso nell'unione doganale guidata dalla Russia

Dimensioni di testo Aa Aa

Un vero e proprio schiaffo morale quello dell’Armenia nei confronti della politica europea di vicinato. Dopo mesi di durissimi negoziati, che avrebbero dovuto concludersi con la firma il prossimo novembre di un accordo di libero scambio con Bruxelles, il Presidente armeno Sarksyan ha annunciato l’entrata del Paese all’interno dell’unione doganale guidata da Mosca.

“Assieme al Presidente Putin abbiamo discusso dell’integrazione euroasiatica e ho confermato che l’Armenia sarà parte dell’unione doganale e del processo di formazione dell’Unione economica euroasiatica” ha affermato il Presidente Serge Sarksayan a margine dell’incontro con Vladimir Putin.

Dell’unione doganale a guida russa fanno parte già Kazakistan e Bielorussia. Rispetto ai quali l’Armenia apporterà un contributo economico molto meno ingente, ma comunque di grande valore simbolico. Come spiega l’eurodeputato Charles Tannock:“La Russia ha adottato vere e proprie tattiche di bullismo nei confronti degli stati vicini. Il Presidente armeno ha incontrato Putin a Mosca e capisco che sia stato messo di fronte a un bivio: perdere le garanzie di una protezione russa o portare avanti le sue aspirazioni euroatlantiche”.

Secondo gli esperti, però, il vero obiettivo di Mosca rimane l’Ucraina, il cui processo di avvicinamento all’Unione europea resta il vero incubo del presidente Putin.