ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crisi, da Bruxelles arriva la stretta al sistema bancario ombra

Lettura in corso:

Crisi, da Bruxelles arriva la stretta al sistema bancario ombra

Dimensioni di testo Aa Aa

Dall’Europa arriva la stretta al sistema bancario ombra, o shadow banking. A finire sotto l’occhio regolamentatore di Bruxelles è il sistema d’intermediazione creditizia in cui operano istituti esterni al normale circuito bancario. Un settore che in Europa muove ogni anno circa 51 milia miliardi di euro, pari al 25-30% dell’intero sistema finanziario.

Frederich Hace, di Finance Watch ci spiega come opera lo shadow banking:“Per semplificare possiamo pensare allo shadow banking come a un insieme di attività ed entità, non strettamente classificabili come banche che però agiscono come tali, ad esempio concedendo prestiti e creando depositi. Le banche si affidano nella maggior parte dei casi propri al sistema bancario ombra nei casi di prestiti a breve termine. Ogni colpo allo shadow banking ha ripercussioni immediate sul sistema bancario tradizionale, come abbiamo potuto notare durante la crisi”.

Con le misure odierne Bruxelles punta dunque a conoscere relazioni e transazioni tra sistema bancario tradizionale e ombra per evitare nuovi contagi.

“Non si tratta di mettere il sistema sotto accusa, ma di fare in modo che funzioni in modo regolare” ha affermato in conferenza stampa il Commissario Michel Barnier “Ma di garantire trasparenza, una giusta supervisione e anche che i rischi assunti dagli operatori del sistema bancario ombra non siano privi di precauzioni, che ci sia , insomma, un minimo di garanzia anche nel rischio”.

Arrivare alla regolamentazione del sistema bancario ombra è un compito, però, non soltanto europeo. Dopo la stretta annunciata dalla Commissione europea è probabile che sul tema si torni a discutere anche venerdi 6 settembre in occasione dei lavori del G-20.