ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Microsoft compra Nokia

Lettura in corso:

Microsoft compra Nokia

Dimensioni di testo Aa Aa

La notizia era nell’aria.
L’avvicinamento reciproco era avvenuto con l’intesa per dotare il Lumia di sistema operativo Windows.
L’ufficialità arriva oggi.
Acquistando i cellulari Nokia e i brevetti, Microsoft spinge sull’acceleratore della telefonia mobile.

Un’operazione tutta in contanti, destinata a cambiare
l’industria delle telecomunicazioni sui due continenti. Redmond pagherà 3,79 miliardi di euro sostanzialmente per ‘’ tutta’‘ la divisione di telefoni Nokia e 1,65 miliardi di euro per la licenza dei suoi brevetti.

Per Steve Ballmer, amministratore delegato di Microsoft in uscita, si tratta di una scommessa importante sulla possibilità di Nokia di sfidare Apple e Samsung.

La vendita del Nokia Lumia ha permesso a Windows di ritagliarsi a livello di sistemi operativi una fetta di mercato pari al 3,3%, facendo meglio di Blackberry, che non naviga in buone acque.

Dietro l’operazione il tentativo dell’azienda di Redmond di recuperare il terreno perduto nel settore della telefonia. Una delle accuse rivolte all’ad Ballmer è propria quella di non aver coperto lo spazio apertosi nel mercato degli smartphone.

Nokia dal canto suo cerca di risalire la china dopo aver dominato il mercato della telefonia mobile per 14 anni fino al 2012 quando è stata detronizzata da Samsung.

La società fondata da Bill Gates punta in sostanza a massimizzare i profitti, sfruttando l’innovazione e la sinergia con il brand Nokia. Potrà fare “tutto in casa”, senza doversi affidare a parti terze, seguendo un po’ il percorso tracciato dalla “mela morsicata” che sviluppa sia la parte hardware che software.

Microsoft e Nokia sono legate dal 2011 quando è stata siglata la partnership fra
le due società.

Resta però legittima la domanda: c‘è spazio per un terzo attore sul mercato dei sistemi operativi dei telefoni cellulari?

In molti non vedono controindicazione un terzo attore potrebbere tornare utile per spezzare il duopolio Apple-Google riequilibrando il mercato.