ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'uomo della speranza

Lettura in corso:

L'uomo della speranza

Dimensioni di testo Aa Aa

«Walesa, l’uomo della speranza» del regista polacco Andrzej Wajda, è stato presentato fuori concorso alla Mostra del cinema di Venezia.
Nel film, che esce in Polonia il 4/10, Walesa è interpretato da Robert Wieckiewicz.

Nell’opera si rintraccia buona parte della carriera del sindacalista e uomo politico polacco vincitore nel 1983 del premio nobel per la pace. Tuttavia al momento in cui Walesa diventa capo di stato nel 1991 la sua popolarità crolla, ai polacchi non piacque il suo piglio interventista, troppo anticomunista e profondamente litigioso.

Andrzej Wajda, regista:
“Credo che non potevano esserci cosi tante false informazioni attorno alla figura di Walesa come fosse il responsabile di problemi e sconfitte. Nessuno ricordava che era stato lui a portarci la libertà”

Wajda sostenne che aveva sentito il bisogno di presentare il vero Walesa al mondo e di ricordare la grande opera compiuta dal sindacato Solidarnosc.

Andrzej Wajda, regista: “Walesa aveva capito che questo era quello che si poteva fare, si sarebbe potuto fare, quello che sorgeva dal profondo dei nostri cuori. Vi diro’ che questo per me è stato il film piu’ difficile della mia vita anche perchè il suo protagonista è ancora vivo e quindi tutte le opinioni gravano su di noi”

Il film si conclude prima del periodo relativo alla controversa presidenza di Walesa.
Wajda aveva incontrato l’elettricista Walesa nel pieno dei tumulti degli anni 80, all’epoca degli scioperi ai cantieri di Danzica, quando col suo carisma creo’ un sindacato che avrebbe guidato il processo di liberazione ad est.