ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: vice-ministro Esteri, "difenderemo l'integrità del Paese"

Lettura in corso:

Siria: vice-ministro Esteri, "difenderemo l'integrità del Paese"

Dimensioni di testo Aa Aa

“I gas tossici sono usati dai terroristi sostenuti dagli Stati Uniti”. Lo afferma il viceministro degli Esteri siriano Faysal Al-Mikdad in un’intervista a euronews.

Mohammed Abdel-Azim, euronews:
“John Kerry ha detto che esistono le prove dell’uso di armi chimiche da parte dell’esercito siriano”.

Fayzal Al-Mikdad, vice-ministro degli Esteri siriano:
“Queste prove sono strane e personalmente mi fanno ridere. Ero ambasciatore presso il Consiglio di Sicurezza dell’ONU quando Colin Powell ha mostrato una provetta che conteneva polvere bianca. Aveva detto: sono le armi chimiche che il regime iracheno vuole utilizzare per sterminare il proprio popolo. Queste affermazioni poi si sono rivelate completamente false”.

euronews:
“Lei mette in dubbio i rapporti dei servizi segreti statunitensi, ma su internet e in televisione abbiamo visto immagini che mostrano famiglie e bambini bruciati dai gas e dalle armi chimiche. Lei ha visto queste immagini?”

Al-Mikdad:
“Posso assicurare che chi ha utilizzato questi gas tossici sono degli agenti dei servizi segreti. Sono i servizi segreti ad aver fomentato l’intera operazione. In particolare è stato il capo dell’intelligence saudita Bandar Ben Soltan ad averla architettata in quanto spia per i servizi statunitensi e occidentali.
La Siria è innocente di fronte a queste accuse, i nostri valori non ci permettono di commettere questo tipo di azioni. Le immagini che alcuni hanno visto possono essere autentiche, ma chi ha fatto uso di questi gas tossici sono i criminali e i terroristi sostenuti dagli Stati Uniti, dalla Francia e da altri”.

euronews:
“E’ possibile per la Siria far fronte ad attacchi contro i suoi siti strategici e sensibili?”

Al-Mikdad:
“Noi non siamo una superpotenza per cui non possiamo pretendere di essere capaci di affrontare la macchina da guerra statunitense, ma resisteremo e difenderemo l’onore e la dignità dei nostri concittadini, così come l’integrità territoriale della Siria”.