ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il parlamento britannico dice no alla guerra. Schiaffo a Cameron

Lettura in corso:

Il parlamento britannico dice no alla guerra. Schiaffo a Cameron

Dimensioni di testo Aa Aa

I parlamentari britannici non si sono fatti ipnotizzare dal mantra della guerra. La mozione presentata dal premier David Cameron per autorizzare un intervento in Siria non è passata per 13 voti, il capo del governo ha dovuto prenderne atto:

“Penso che il popolo americano e il presidente Obama capiranno. Dobbiamo ascoltare il Parlamento e penso che si sia espresso in modo molto chiaro sul fatto che non approva il coinvolgimento britannico in azioni militari, per cui procederemo su questa base”.

Cameron non è riuscito a coinvolgere parte dei suoi e neanche i laburisti di Ed Miliband:

“Se la Gran Bretagna si fosse impegnata nella corsa alla guerra, sulla base dell’idea malsana di non coinvolgere la comunità internazionale, di non lavorare con le Nazioni unite, sarebbe stato un male per il nostro paese e un male per il popolo della Siria. Dobbiamo imparare la lezione dell’Iraq “.

Oggi i giornali britannici non sono teneri con il governo conservatore e si fanno portavoce del dissenso dell’opinione pubblica che sarebbe maggioritariamente contro la guerra. Nei titoli il no dei parlamentari è visto al minimo come uno schiaffo al premier, ma molti editorialisti parlano addirittura di umiliazione.