ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Inguscezia. Assassinato un responsabile della sicurezza

Lettura in corso:

Inguscezia. Assassinato un responsabile della sicurezza

Dimensioni di testo Aa Aa

Non gli hanno lasciato scampo. Akhmed Kotiev, alto responsabile della sicurezza dell’Inguscezia, è morto crivellato di colpi, insieme al suo autista.

L’Inguscezia, vicina alla Cecenia, fa parte di quel Caucaso che è il tallone d’Achille della Russia, tanto più adesso, a pochi mesi dai Giochi olimpici sul Mar Nero.

L’inchiesta sembra seguire un’unica direzione:

“L’omicidio pare legato alla sua attività professionale come capo del Consiglio di sicurezza – dice il responsabile ad interim dell’Inguscezia Yunus-Bek Yevkurov – In particolare al suo lavoro con i ribelli che decidevano di arrendersi”.

Kotiev si occupava del reinserimento nella società dei combattenti indipendentisti pentiti.

Per gli estremisti islamici armati
il nome di Kotiev era in cima alla lista degli uomini da abbattere dal 2008. Già l’anno scorso aveva subito un attentato, dal quale, però, era uscito indenne.