ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sotchi: divieto di manifestare durante le Olimpiadi

Lettura in corso:

Sotchi: divieto di manifestare durante le Olimpiadi

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo russo decreta una zona rossa intorno a Sotchi, per tutto il periodo delle Olimpiadi invernali. Dal 7 gennaio, ossia un mese prima della cerimonia di apertura, fino al 21 marzo, un mese dopo la chiusura, non sarà possibile accedere alla località sul Mar Nero senza una speciale autorizzazione e sarà vietata qualunque manifestazione non legata ai giochi:

“Assistiamo a una chiara violazione dei diritti umani, con particolare riferimento al ben conosciuto articolo 31 della Costituzione russa che garantisce ai cittadini il diritto di manifestare pacificamente – dice Sergei Nikitin, di Amnesty international Russia – E c‘è violazione anche di un altro articolo della Costituzione, riguardante la libertà di movimento”.

Gli attivisti omosessuali hanno preannunciato che sfideranno il divieto, convergendo a Sotchi il giorno dell’apertura per un raduno di protesta. La popolazione locale sembra non aspettarli a braccia aperte:

“Tutta la gente qui è disgustata – dice un uomo – che vogliono questi gay, perché hanno bisogno di fare una manifestazione? di che devono parlare?”

In occasione dei primi giochi olimpici della Russia post-sovietica per Mosca la sicurezza è l’argomento prioritario, vista la vicinanza geografica di Sotchi con le zone calde del Nord Caucaso e le minacce già proferite dagli indipendentisti islamici armati.

Secondo le associazioni per il rispetto dei diritti umani, misure di sicurezza così draconiane snaturano l’essenza stessa dei Giochi e il loro messaggio di rispetto e di amicizia fra i popoli.