ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Islamabad promette di aiutare Kabul a parlare con i taleban

Lettura in corso:

Islamabad promette di aiutare Kabul a parlare con i taleban

Dimensioni di testo Aa Aa

I buoni uffici del Pakistan per far avanzare il dialogo fra le autorità afghane e i taleban, alla vigilia di una fase cruciale del processo di pace, che dovrebbe entrare nel vivo nel 2014. È la promessa fatta dal premier pakistano Nawaz Sharif al presidente afghano Hamid Kharzai nel corso di un incontro svoltosi a Islamabad:

“Ho assicurato al presidente Kharzai che il Pakistan continuerà ad assumere il ruolo di facilitatore dei colloqui di pace con i taleban, sostenendo i nobili obiettivi della comunità internazionale. Il Pakistan contribuirà agli sforzi regionali per sostenere la stabilizzazione dell’Afghanistan”.

Preceduti da mesi di negoziati segreti, i contatti ufficiali erano partiti nel giugno scorso, dopo l’apertura a Doha, in Qatar, di una rappresentanza del cosiddetto ‘Emirato islamico dell’Afghanistan’, una sorta di ufficio politico dei taleban.

Il ruolo del Pakistan sembra fondamentale in questo percorso, malgrado le mai sopite tensioni fra i due paesi confinanti e le accuse che Kabul ha sempre lanciato a Islamabad di proteggere il terrorismo islamico.

L’ultimo screzio riguarda questa madrasa, o scuola di religione, di Peshawar, sospettata di fare da copertura a un campo di addestramento militare, accuse che i pakistani respingono fermamente.