ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rupia ancora giù. RBI criticata per i troppi cambi di passo

Lettura in corso:

Rupia ancora giù. RBI criticata per i troppi cambi di passo

Dimensioni di testo Aa Aa

In economia non si può avere tutto. Lo sa bene Reserve Bank of India, criticata dai mercati per i troppi cambi di direzione. Tutto comincia a metà luglio: per combattere il crollo della rupia, la banca centrale indiana interviene con restrizioni sulla liquidità.

La valuta, però, continua indisturbata la sua corsa al ribasso, mentre i rendimenti dei titoli di Stato salgono alle stelle e si comincia a temere una stretta creditizia.

Martedì notte la decisione, nell’ottica di un deciso allentamento dei cordoni della borsa, di acquistare quasi un miliardo di euro di bond.

“Quello che ora serve dall’India, dalla banca centrale e dal governo, sono coerenza e credibilità nelle politiche che metteranno in campo per indirizzare questo problema”, spiega Kelvin Tay, analista di Ubs Wealth Management.

“Col passare dei giorni, con la continua perdita di valore della rupia indiana – prosegue – stanno esaurendo le opzioni”.

L’ultima mossa ha fatto tirare un sospiro di sollievo sui mercati: i rendimenti sono tornati a scendere e i titoli bancari hanno recuperato terreno.

Ma il crollo della rupia, cominciato per le preoccupazione degli investitori riguardo al crescente deficit di bilancio del Paese, è continuato però anche mercoledì, con la moneta che ha toccato un nuovo minimo storico. Insieme alla credibilità di Reserve Bank of India.