ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Unione Europea pronta a rivedere relazioni con Egitto dopo aggravarsi violenze

Lettura in corso:

Unione Europea pronta a rivedere relazioni con Egitto dopo aggravarsi violenze

Dimensioni di testo Aa Aa

Timidamente e con la lentezza delle decisioni a Ventotto, l’Unione Europea prende posizione rispetto al degradarsi della situazione in Egitto. I ministri degli Esteri europei ridefiniranno i rapporti bilaterali entro pochi giorni, ha detto il responsabile della diplomazia francese Laurent Fabius:

“I ministri prenderanno una decisione certamente a metà della settimana. E dunque al momento stiamo riesaminando le nostre relazioni con l’Egitto e in funzione della situazione vedremo quali decisioni prendere”.

Protocolli di libero scambio su prodotti industriali, accordi preferenziali sul commercio agricolo, cooperazione politica e scambi culturali parte di un’intesa firmata nel 2001 sono a rischio. Così come appesi ad un filo sono ormai gli aiuti che vengono dagli Stati Uniti, sotto la pressione dei repubblicani in particolare.

“Vista la recente spirale di violenza” ha detto la senatrice repubblicana Kelly Ayotte “non vedo come potremmo continuare gli aiuti. Credo debbano essere congelati perchè, in particolare dopo che il Presidente Obama non ha chiesto la sospensione degli aiuti nel suo discorso questa settimana, i militari hanno l’impressione che qualunque cosa facciano gli aiuti siano un dato acquisito. Quindi io a questo punto sono per il congelamento degli aiuti”.

In riferimento alle reazioni di Stati Uniti ed Unione Europea il Ministro degli Esteri egiziano ha parlato di ricatto inaccettabile. Intanto ieri a fine giornata 36 detenuti, presumibilmente militanti dei Fratelli Musulmani, sono rimasti uccisi durante un tentativo di fuga in circostanze ancora poco chiare.