ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Cia ammette: durante la Guerra Fredda nell'"area 51" si sono svolti i test per gli aerei spia

Lettura in corso:

La Cia ammette: durante la Guerra Fredda nell'"area 51" si sono svolti i test per gli aerei spia

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli uomini verdi non hanno mai abitato in Nevada, ma l’“area 51” è davvero esistita.

Ad ammetterlo la stessa Cia che rivelando nuovi documenti finora rimasti top-secret, ha confermato che l’area del Nevada al centro di leggende fantascientifiche, è stata utilizzata per sperimentare in piena Guerra Fredda il programma di aerei spia U2.

“Gli Stati Uniti – spiega Jeffrey Richelson, dell’Archivio di Sicurezza Nazionale – ovviamente non volevano che l’Unione Sovietica sapesse dell’esistenza degli aerei, quindi trovarono questa zona remota per compiere i test”.

I voli di addestramento nell’“area 51” iniziarono nel 1955. Gli aerei spia volavano a 20 mila metri, mentre fino a quel momento il resto dei velivoli non superavano i 6 mila metri.

Visti dalla Terra, grazie agli effetti dei raggi solari, gli U2 davano la sensazione di essere degli oggetti misteriosi, alimentando una vasta letteratura sulla presenza degli UFO.

La base del Nevada è ancora in funzione.