ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: centinaia di vittime negli scontri, oltre mille arresti fra i manifestanti pro-Morsi

Lettura in corso:

Egitto: centinaia di vittime negli scontri, oltre mille arresti fra i manifestanti pro-Morsi

Dimensioni di testo Aa Aa

È durato tutta la notte l’assedio della polizia a uno dei bastioni della protesta degli islamisti al Cairo, la moschea di al-Fath, nella piazza Ramses. La polizia ha sparato contro i manifestanti, asserragliati a centinaia dentro l’edificio, dove sono stati portati anche una ventina di cadaveri. Gli agenti hanno detto di aver aperto il fuoco quando anche i dimostranti hanno cominciato a sparare dall’interno della moschea.

Nel “venerdì della rabbia”, decretato dai Fratelli Musulmani, ci sono state centinaia di vittime in tutto il Paese.

Il governo ha dato alle forze di sicurezza l’autorizzazione a sparare proiettili veri a scopo di difesa e per proteggere gli edifici pubblici.

Il Ministero dell’Interno egiziano ha fatto sapere di aver arrestato venerdì oltre mille sostenitori del deposto presidente Mohamed Morsi.

Nonostante il prezzo finora pagato, almeno 700 morti da mercoledì scorso, i Fratelli Musulmani non hanno intenzione di abbassare la testa e hanno chiesto ai i loro sostenitori di tornare a manifestare in piazza tutti i giorni, a partire da oggi, per rispondere, hanno detto, “a un obbligo islamico, nazionale ed etico al quale non si può rinunciare”.