ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mondiali di atletica: Farah si conferma re del mezzofondo nei 5000

Lettura in corso:

Mondiali di atletica: Farah si conferma re del mezzofondo nei 5000

Dimensioni di testo Aa Aa

Faccia sofferente e l’impressione che possa mollare da un momento all’altro, ma il britannico Mohammed Farah alla fine la spunta sempre. Sua anche la medaglia d’oro dei 5000 dopo quella dei 10.000 ai mondiali di atletica di Mosca. Argento per l’etiope Hagos Gebrhiwet e bronzo per il keniano Isiah Kiplangat Koech con lo stesso tempo del secondo.

Colpaccio statunitense nella staffetta 4×400 maschile dove gli atleti stelle e strisce sono riusciti a battere la Jamaica. Un exploit forse irripetibile nelle distanze più brevi visto lo squadrone costruito attorno a Usain Bolt che per la facilità con cui si è qualificato nei 200 metri ha dato l’impressione di poterle fare da solo le staffette.
Dietro agli Usa, la Giamaica e la Russia.

Il tedesco David Storl è campione del mondo del lancio del peso con 21.73, suo miglior lancio in questa stagione. L’argento va all’americano Ryan Whiting. Bronzo al canadese Dylan Armstrong. Con Storl che fino all’ultimo non ci vuole credere.

Un altro oro per la Russia arriva dal salto in lungo maschile con la vittoria di Aleksandr Menkov che ha realizzato la miglior misura della stagione con un 8.56. Secondo l’olandese Ignisious Gaisah con 8.29, record nazionale, e terzo il messicano Luis Rivera.

Nel lancio del martello femminile la russa Tatyana Lisenko ha vinto la gara con una misura di 78.80. Argento alla polacca Anita Wlodarczyk (78.46), bronzo alla cinese Wenxiu Zhang (75.58).

Ancora Giamica nei 200 femminiili con Shelly-Ann Fraser-Price. L’ivoriana Murielle Ahoure bissa l’argento. Bronzo alla nigeriana Blessing Okagbare. Buone notizie da casa Italia con le azzurre in finale nella 4 X 400.